COD. 213 - Le Fasi iniziali di Progetto, Best Practice e Strategie - 27 giu

CFP: 3

In presenza

35
posti disponibili

Prezzo per iscritti: GRATUITO

Riservato agli iscritti

Webinar

164
posti disponibili

Prezzo per iscritti: 5,00 €

Riservato agli iscritti

Orario Inizio: 27-06-2024
Ora: 15:30
Durata: 4.00 Ore
Luogo Sede Ordine degli Ingegneri della provincia di Roma, Piazza della Repubblica 59, 00185, Roma, RM
Abstract

Le fasi iniziali sono importanti talvolta anche più della esecuzione progettuale. In questo seminario si discuteranno l'importanza dell'avvio del progetto, assieme alle pratiche e strategie di uso comune su come i project manager possano avviare i loro progetti in maniera corretta. La fase iniziale è un momento emozionante in cui poter utilizzare conoscenze e visioni provenienti da precedenti esperienze per creare un progetto di successo. Questa fase dà il tono e le basi per le attività successive.

Secondo la definizione del PMI, l’avvio del progetto è la prima fase del ciclo di vita della gestione ed è “il processo di riconoscimento formale dell’esistenza di un nuovo progetto o che un progetto esistente dovrebbe continuare nella fase successiva”. Con la frase “plan slow, act fast” si indica l’importanza di una accurata pianificazione da contrapporre ad una rapida esecuzione progettuale.

Nelle fasi iniziali si analizza la fattibilità progettuale e la sua portata, si identificano gli stakeholders principali tra cui lo sponsor così come le divisioni interessate, i rischi e le ipotesi iniziali. Si riuniscono i team di progetto e si definiscono gli obiettivi, gli scopi, si crea il business case.

Investire tempo ed energie nel processo di avvio del progetto definisce la sua direzione, stabilisce una visione chiara e fornisce il contesto per l’intero ciclo di vita. L’avvio del progetto influisce significativamente sul risultato dello stesso.  Le percentuali di successo sono superiori quando vengono implementate pratiche comprovate di gestione del progetto sin dalle sue prime fasi.

Pertanto, una solida fase di iniziale, consente ai project manager ed ai team di valutare se il progetto è in linea con gli obiettivi strategici dell'organizzazione, stabilire le priorità e allineare le attività con l'impatto aziendale previsto.

 

Presiedono il seminario Rappresentanti dell’Ordine degli Ingegneri, membri del PMI Central Italy, dell’Associazione Italiana di Ingegneria Chimica e di realtà industriali operanti con riconosciuta expertise nell’ambito del Project Management.

Programma

Ore 15:30 – 15:40

Introduzione ai lavori e saluti iniziali.

Ing. Maria Elena D’Effremo

Consigliere Ordine Ingegneri Provincia di Roma

Ing. Michele Nava

Presidente Commissione PM Industriale

 

Ore 15:40 – 16:10

L’avvio del progetto come te lo rappresentano e come è in effetti

Ing. Raffaele Avella

Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica

 

Ore 16:10 – 16:40

Aspetti organizzativi come adempimenti critici per l’avvio e l’esecuzione di un’opera

Ing. Antonio Razionale

CEO - Q.M.S. Quality and Management Services srl – Roma

 

Ore 16:40 – 17:10

Definizione progettuale, nuove tecnologie, strutture primarie per elicotteri: Airbus Clear SKY 2 opta per l’investment casting

Ing. Emanuele Basile

Senior Project Manager in Virgin Media

 

Ore 17:10 – 17:40

Chi ben comincia è a metà dell’opera: Lessons learned della fase Avvio e Pianificazione di un progetto complesso.

Ing. Sergio Gerosa

CIMR Program Director In Thales Alenia Space

 

Ore 17:40 – 18:10

Punti di attenzione nell’avvio di grandi progetti

Ing. Guido Carcano

Operation Manager in 3D Energy

 

Ore 18:10 – 18:30                                                          

Q&A

Giornate
Giorno Inizio Fine Sede Docenti
27-06-2024 15:30 18:30 Sede Ordine degli Ingegneri della provincia di Roma
Condizioni generali L'attestato di partecipazione all’evento, che sarà conseguito previo controllo della partecipazione a tutta la durata dello stesso, potrà essere scaricato dagli Ingegneri dalla piattaforma www.mying.it nei giorni successivi allo svolgimento dell’evento medesimo e dovrà essere custodito dal discente ai sensi dell’art. 10 del Regolamento per l’Aggiornamento delle Competenze Professionali.